Avvia la ricerca
  • 24.05.2021 SIGLATA A NAPOLI L’INTESA PER LA BANCA DATI DEL LAVORO PROVINCIALE MEDIANTE BLEN.IT. (ANPAL SERVIZI, FENEAL UIL, FILCA CISL E FILLEA CGIL, ACEN, CFS E CASSA EDILE)
    + details
  • 10.05.2021 L’ 11 MAGGIO LA PROSSIMA EDIZIONE DEL CICLO DI SEMINARI FORMEDIL PER GLI OPERATORI SCUOLA EDILE/ENTI UNIFICATI
    + details
  • 21.04.2021 GIOVANI, ESONERO CONTRIBUTIVO TOTALE PER L’ASSUNZIONE NEL 2021-2022
    + details
  • 06.04.2021 PROTOCOLLO ANCE-PROVVEDITORATO REGIONALE DEL LAZIO, ABRUZZO E MOLISE – INSERIMENTO LAVORATIVO A SEGUITO DI FORMAZIONE
    + details
  • 02.03.2021 RAPPORTO DEL MERCATO DEL LAVORO 2020: L’EDILIZIA TRA I SETTORI CHE HANNO RETTO MEGLIO LA PANDEMIA
    + details
  • 23.02.2021 FONDO NUOVE COMPETENZE, 500 MILIONI DI EURO NEL 2021: DOMANDE SINO AL 30 GIUGNO
    + details
  • 23.11.2020 3 DICEMBRE: SARÀ PER LE SCUOLE EDILI/ENTI UNIFICATI DELLA LOMBARDIA LA TERZA EDIZIONE DEI SEMINARI BLEN.IT SVOLTI INTERAMENTE A “A DISTANZA”
    + details
  • 06.11.2020 FONDO INCENTIVO OCCUPAZIONE PER LE ASSUNZIONI FATTE PRIORITARIAMENTE TRAMITE BLEN.IT
    + details
Visualizza tutte le news

Area Scuole EdiliArea Scuole Edili

Facilitatori - Associazioni e SindacatiFacilitatori

Rapporto del Mercato del lavoro 2020: l’edilizia tra i settori che hanno retto meglio la pandemia

Uscito il Rapporto annuale sul mercato del Lavoro, monitoraggio annuale frutto della collaborazione tra Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Istat, Inps, Inail e Anpal.

 

Dai dati di sintesi emerge che gli effetti della crisi si sono manifestati più sulle ore lavorate che sull’occupazione; ciononostante il numero di persone rimaste senza lavoro è considerevole, soprattutto a seguito delle cessazioni dei contratti a termine non rinnovati e del venir meno di nuove assunzioni in un generalizzato clima di “sospensione" delle attività, inclusa la ricerca di lavoro. 

Le categorie più colpite dall’emergenza sanitaria sono quelle che già erano contraddistinte da condizioni di svantaggio; si tratta in particolare delle donne, delle persone giovani e delle persone straniere, nei settori e nei tipi di impresa che sono stati investiti più duramente dalla crisi, con
ricadute non trascurabili sull’assetto sociale.

 

È aumentato il gap di genere sul tasso di occupazione (da 17,8 a 18,3 punti) e quello tra generazioni, con il tasso di occupazione dei giovani under 35 più basso di circa 21 punti rispetto a quello degli over 50 (era 19,3 nel 2019), mentre per gli stranieri il valore dell’indicatore scende sotto a quello degli italiani.


La digitalizzazione e il distanziamento sociale hanno concorso a produrre una nuova segmentazione nel mercato del lavoro, distinguendo tra chi può lavorare da casa e chi, per la natura della prestazione, è strettamente legato al luogo di lavoro. 
L’emergenza sanitaria, ancora in corso, determina una situazione di incertezza sui tempi e sulle modalità della ripresa economica. 


Le assunzioni a tempo indeterminato, dopo il trend positivo iniziato nel 2018 e proseguito fino a tutto il 2019, a partire dal primo trimestre del 2020 hanno cominciato a diminuire rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-9,9%) e nel secondo trimestre il calo ha raggiunto una quota pari a -47,5%. I rapporti a tempo determinato, invece, sono in continua diminuzione da metà 2018, fino a raggiungere un valore pari a -47,1% nel secondo trimestre del 2020.

 

Le denunce di infortuni sono aumentate. Al 30 settembre 2020 si registra un più 18,6& di denunce rispetto allo stesso periodo del 2019. Per circa un terzo pesano i decessi a causa dell’infezione da COVID-19.

 

Con particolare riferimento al settore delle costruzioni:

Facendo il paragone tra il secondo/terzo trimestre 2019 e lo stesso periodo del 2020, è il settore con il più alto tasso di crescita occupazionale, sebbene il dato sia più frutto di un dato di crescita che penalizza molto gli altri settori. Le costruzioni registrano un + 1,5% nel II trimestre e un +2,3% nel III trimestre.

Il dato va di pari passo con la percentuale registrata sulle strategie e i comportamenti adottati dalle imprese in risposta allo shock provocato dalla pandemia. Nel bimestre ottobre-novembre 2020 sono rimaste aperte l’87,2 % delle imprese edili, a fronte di cali molto evidenti negli altri settori (valori relativi più bassi si registrano nella ristorazione con solo il 15% del totale).

In generale l’edilizia è uno dei settori che ha retto meglio la pandemia, a fronte di quello del turismo in cui la dinamica, come si può immaginare è stata esattamente l’opposto.

Dal mese di maggio 2020 in avanti, l’edilizia ha registrato valori più alti anche in termini di mantenimento dei livelli occupazionali.

Altro dato che positivo è la distanza in giorni che separa la cessazione del rapporto di lavoro con la data di inizio del nuovo lavoro, i lavoratori edili sono quelli che impiegano meno tempo a trovare una nuova occupazione. Il dato risulta coerente anche con le riflessioni provenienti dalle riunioni territoriali sulla Borsa Lavoro Edile Nazionale BLEN.it svolte tra luglio e novembre 2020 in cui molte Scuole Edili/Enti Unificati evidenziavano la difficoltà, soprattutto a nord e da parte di molte imprese, di trovare manodopera qualificata. 

Scarica il "Rapporto Mercato del Lavoro 2020" al link: https://bit.ly/3sFa9nw

Documenti da scaricare
docx  Nota stampa
Menu della pagina
Indietro Indietro  Stampa la pagina Stampa la pagina
Torna su Bookmark and Share
 

sbc