Avvia la ricerca
  • 21.04.2021 GIOVANI, ESONERO CONTRIBUTIVO TOTALE PER L’ASSUNZIONE NEL 2021-2022
    + details
  • 06.04.2021 PROTOCOLLO ANCE-PROVVEDITORATO REGIONALE DEL LAZIO, ABRUZZO E MOLISE – INSERIMENTO LAVORATIVO A SEGUITO DI FORMAZIONE
    + details
  • 02.03.2021 RAPPORTO DEL MERCATO DEL LAVORO 2020: L’EDILIZIA TRA I SETTORI CHE HANNO RETTO MEGLIO LA PANDEMIA
    + details
  • 23.02.2021 FONDO NUOVE COMPETENZE, 500 MILIONI DI EURO NEL 2021: DOMANDE SINO AL 30 GIUGNO
    + details
  • 23.11.2020 3 DICEMBRE: SARÀ PER LE SCUOLE EDILI/ENTI UNIFICATI DELLA LOMBARDIA LA TERZA EDIZIONE DEI SEMINARI BLEN.IT SVOLTI INTERAMENTE A “A DISTANZA”
    + details
  • 06.11.2020 FONDO INCENTIVO OCCUPAZIONE PER LE ASSUNZIONI FATTE PRIORITARIAMENTE TRAMITE BLEN.IT
    + details
  • 31.08.2020 UNIONCAMERE-ANPAL: MIGLIORAMENTO DEI DATI OCCUPAZIONALI RIGUARDANTI L’EDILIZIA
    + details
Visualizza tutte le news

Area Scuole EdiliArea Scuole Edili

Facilitatori - Associazioni e SindacatiFacilitatori

Giovani, esonero contributivo totale per l’assunzione nel 2021-2022

Con la Circolare n. 56 del 12 aprile 2021, l'INPS fornisce indicazioni sull'esonero contributivo per l'assunzione di giovani nel biennio 2021-2022, secondo quanto disposto dalla Legge di Bilancio 2021 (art. 1, commi 10-15, L. 30 dicembre 2020, n. 178).

Al fine di promuovere l'occupazione giovanile stabile, è stato introdotto l'esonero contributivo del 100%, per un periodo massimo di 36 mesi, nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui, per le assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato eseguite nel biennio 2021-2022, con riferimento ai soggetti che alla data della prima assunzione incentivata non abbiano compiuto il 36° anno di età (art. 1, comma 10). Peraltro, l'esonero è esteso a un periodo massimo di 48 mesi ai datori di lavoro privati che procedano ad assunzioni in sedi o unità produttive ubicate nelle Regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna (art. 1, comma 11).

Il beneficio è riconosciuto ai datori di lavoro che non abbiano proceduto, nei 6 mesi precedenti l'assunzione, né procedano nei 9 mesi successivi alla stessa, a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo o a licenziamenti collettivi nei confronti di lavoratori inquadrati con la medesima qualifica nella stessa unità produttiva (art. 1, comma 12).

 

Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

 

 


Documenti da scaricare
pdf  circolare INPS n. 56
Menu della pagina
Indietro Indietro  Stampa la pagina Stampa la pagina
Torna su Bookmark and Share
 

sbc